Torna al sondaggio

PRINOTH all’Expoflorestal in Portogallo

Il RAPTOR 300 ha catturato l’attenzione anche del Segretario di Stato Miguel João de Freitas

Alla fiera Expoflorestal, REN (Redes Energéticas Nacionais) e BERMARTHOR hanno presentato il RAPTOR 300, che ha suscitato scalpore in qualità di macchina rivoluzionaria per la riqualificazione forestale.

REN ha acquistato cinque RAPTOR 300 che le consentono di migliorare la gestione forestale e del combustibile e di proteggere i boschi dagli incendi in maniera più efficiente.

Secondo João Gaspar, responsabile dei servizi e del patrimonio di REN, "l’impiego di macchine dotate di tecnologie innovative porterà a una maggiore produttività nel dissodamento forestale. Al tempo stesso potenziamo la nostra infrastruttura come risorsa per la prevenzione e la lotta agli incendi. Mantenendo pulite le strisce di bosco rendiamo più facile il lavoro degli addetti della protezione civile, compresi i vigili del fuoco”.

Per Tomás Marques, responsabile di BERMARTHOR, “è un’opportunità per dimostrare che le macchine sviluppate e costruite specificamente per la riqualificazione forestale consentono di aumentare la produttività elevata e sono un’ottima alternativa ai mezzi tradizionali. Una macchina come questa equivale alla produttività di oltre 60 uomini”.

Il RAPTOR 300 ha destato stupore anche in Miguel João de Freitas, il Segretario di Stato per le politiche agricole e forestali del Portogallo, il quale ha esaminato la macchina nel dettaglio e non ha perso l’occasione di provare a sedersi nel RAPTOR 300.

REN ha già adottato numerose misure nell’ambito della politica di protezione delle foreste dagli incendi, ad esempio donando veicoli ai volontari dei vigili del fuoco e alle squadre antincendio di diversi comuni.

Inoltre, con l’aiuto di oltre 200 lavoratori (fornitori di servizi di REN in ambito forestale), nel 2018 sono stati svolti ingenti lavori per un investimento di più di 6 milioni di euro. Il risultato è stato la riqualificazione di oltre 22.000 ettari di foresta, equivalenti a 22.000 stadi da calcio negli ultimi quattro anni. Come impegno per il futuro, l’obiettivo di quest’anno di REN è dissodare il 10% di terra in più rispetto al 2018, mentre nei prossimi anni ha in programma di lavorare una superficie complessiva di oltre 7.000 ettari l’anno.